Intreccio del vimine: gli strumenti da lavoro (Parte 2)

Pochi ma fondamentali gli strumenti per la lavorazione e l’intreccio del vimine e di ramoscelli di altre piante spontanee raccolte in campagna.

intreccio vimine strumentiTra gli attrezzi da utilizzare, tutti facilmente reperibili, si necessita innanzitutto di un coltellino, impiegato per tagliare canne e recidere rami.

Poi, un punteruolo in legno o in osso, utile per aprire fessure tra le fibre intrecciate, e lecesoie per tagliare i ramoscelli più grandi.

intreccio vimine strumentiEd inoltre una cannetta, appositamente intagliata per realizzare la treccia nei cesti e per far seguire uno medesimo andamento nella tessitura a più ramoscelli, inserendo all’interno della cannetta i ramoscelli che devono procedere insieme.

Successivamente si necessita di strumenti semplici ma essenziali per la loro efficacia.

Tra questi, lo spacca-venco, per rompere il ramo di salice in più parti uguali o strisce, usate poi per l’intreccio al fine di risparmiare materiale.

E lo spacca-canne, per dividere le canne fresche e quelle secche in più strisce. Un tempo era realizzato in legno ma poi con materiale differente, a seguito della facile corrosione dovuta al suo continuo impiego. I contadini dunque usavano in alternativa una piccola croce tagliente creata con canne, la quale, pressata sull’estremità della canna da spezzare, ne permetteva la rottura.

Continua…

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *