Tecnica scandinava: design al servizio della decorazione

Promessa fatta, promessa mantenuta! Ecco quindi la tecnica scandinava di decorazione su porcellana.

Servizio porcellana decorazione foglie tecnica scandinava Arte Idea Loredana Corbo

Rilievo o scavo? Questa è la domanda. Che si scelga l’una o l’altra, l’importante è prima di tutto l’effetto finale decorativo che la tecnica scandinava consente di attribuire all’oggetto.

Parliamo di una tecnica contemporanea, proveniente da una delle consolidate patrie mondiali del design. È quindi una tecnica che dà un carattere estremamente attuale al prodotto, sia che si voglia realizzare un oggetto di design puro, sia che si vogliano creare piacevoli contrasti tra finitura moderna e parti decorative in stile classico.

Qualsiasi sia l’ispirazione creativa e l’intento artistico finale dell’artigiano, la tecnica scandinava è un valido supporto per realizzare effetti sempre nuovi: visibili e palpabili.

Nell’apprezzare la tecnica scandinava, in essere su una creazione in porcellana, entra infatti in ballo la vista, ma anche il tatto. Il piacere di toccare un oggetto dalle finiture differenti, dai particolari effetti di texture, ricco al tatto di movimento, superfici ondulate e graffiate. Volutamente primitive.

Per tornare dunque alla distinzione tra le due tecniche scandinave di base, partiamo dalla tecnica a rilievo. In questo caso, l’artigiano applica sulla superficie della porcellana un impasto, a pennello o a paletta, che rimane ruvido o comunque caratterizzato da una superficie non omogenea, dopo la cottura (ad 800° C).

Questa tecnica, con un effetto molto contemporaneo, riprende quella settecentesca dello smalto forte, tramite il quale si applicava una particolare pasta per porcellana, appunto lo smalto forte, e si stendeva poi, in seconda cottura, uno strato decorativo d’oro.

Continua…

Il servizio di porcellana in foto Foglie in libertà è realizzato dall’artigiana creativa Loredana Corbo.
www.arteidea.eu
Fanpage Facebook
Pinterest

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *