Tecnologia digitale. La bottega artigiana incontra il fab lab

Dicesi fab lab… un laboratorio di piccole dimensioni che offre servizi altamente personalizzati basati sull’utilizzo della tecnologia digitale. Fabrication laboratory appunto.

Tecnologia digitale progettazione CAD gioiello

La domanda nasce spontanea: come può l’artigianato collaborare con, o diventare, un fab lab e continuare a sapere chi è, a mantenere la sua identità consolidata in secoli di manualità e di rapporto diretto con la materia?

La risposta non è semplice ma soprattutto non è univoca.

Ogni artigiano che cerchi di costruire o comunque decida di compiere un percorso evolutivo nel proprio lavoro e nel proprio modo di creare prodotti manifatturieri sa fino a che punto vuole far entrare la tecnologia digitale nel proprio processo produttivo e sa quindi dove inizia e finisce la propria creatività e il proprio apporto personale e prettamente artigianale al prodotto.

Quello che è importante sottolineare è sempre e comunque il ruolo fondamentale delle idee, del progetto creativo iniziale, del primo e vero stimolo a qualsiasi forma di produzione artistica e artigianale.

In questo senso e da questa prospettiva, la tecnologia digitale non può che trasformarsi in un supporto all’attività creativa dell’artigiano, consentendogli da una parte di essere più competitivo, perché più adattabile alle esigenze di un mercato sempre più interessato alla personalizzazione estrema e ad una produzione di tipo sartoriale dell’oggetto artigianale, che sia un gioiello altamente vestibile e indossabile dalla persona per la quale è stato creato, o un oggetto di design pensato per integrarsi in un complesso e unico sistema d’arredo.

E, dall’altra parte, consentendo all’artigiano di dare immediata traduzione pratica alle idee, testandone la fattibilità e la realizzabilità finale, attraverso la semplicità della prototipazione rapida.

Rendering 3D gioielloIn un mondo in cui la progettualità, un progetto creativo solido e originale riesce a fare la differenza, ecco che l’artigiano si trova a poter contare su strumenti che gli consentono di partecipare a questa rivoluzione creativa.

E lo fa centrando un duplice obiettivo, soddisfare il cliente contemporaneo, e mantenere fede alle proprie idee e al proprio personale approccio creativo all’artigianato, applicando anche tutte quelle tecniche di realizzazione e finitura artigianale che costituiscono il reale e insostituibile valore aggiunto dell’oggetto d’artigianato artistico.

La conclusione unica e generale che possiamo trarre è quindi questa: la tecnologia digitale mette in campo strumenti prima inimmaginabili e oggi a disposizione dell’artigiano. L’artigiano creativo adotta queste tecnologie come supporto e come stimolo alla propria creatività che riesce ad esprimersi in modi nuovi, innovativi e veloci, come richiede un contesto sociale e culturale, e un mercato, dai ritmi inarrestabili.

Il progetto Anello Scarabeo in foto è dell’artigiano creativo Sigismondo Capriotti.
Facebook: https://www.facebook.com/capriottigioielli
Pinterest: http://www.pinterest.com/sigicapri

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *